• Allegra Lindberg Poletti

Educazione affettiva e sessuale. Dall'asilo alla vita adulta. Ecco perché.


Che cos'è l'educazione affettiva e sessuale?


L'educazione affettiva e sessuale non si limitano ad insegnare all'adolescente come utilizzare correttamente un preservativo o ad imparare l'anatomia e la fisiologia degli apparati genitali.


E' in realtà un discorso molto ampio che va ad approfondire tematiche inerenti alla sfera affettiva e sessuale di bambini, ragazzi e adulti, aiutando l'individuo a relazionarsi in un'ottica di empatia e rispetto reciproco nel contesto socio culturale in cui siamo inseriti.


Si lavora quindi, ad esempio, sulla capacità di individuare le figure di riferimento a cui rivolgersi in caso di necessità, sui valori propri e famigliari, sul rispetto di se stessi e degli altri.


L'educazione affettiva e sessuale non hanno quindi solo il compito di comunicare informazioni scientifiche ed equilibrate, ma ha soprattutto l'obiettivo di lasciare che le persone interiorizzino tali concetti così da poter fare scelte responsabili attraverso lo sviluppo di un senso critico sulle varie tematiche.






Facciamo un esempio: una coppia di adolescenti innamorati è alle prime esperienze sessuali.


A scuola, nelle ore di educazione affettiva e sessuale hanno imparato che è importante proteggersi da gravidanze indesiderate e dalle infezioni sessualmente trasmissibili, i ragazzi hanno ricevuto l'informazione.


Il partner non vuole utilizzare il preservativo ma la ragazza è in grado di dire esplicitamente che il non usare il preservativo non le va bene.


La ragazza ha interiorizzato il concetto.


La ragazza può decidere di non avere rapporti sessuali senza il preservativo perché non vuole correre rischi e si tira indietro.


In questo caso la ragazza, probabilmente immaginando un futuro diverso rispetto a quello che aveva in mente, ha sviluppato un senso critico e ha deciso di agire tirandosi indietro in base alle competenze acquisite.


Il ragazzo, lavorando sulla tematica dell'empatia, ha appreso l'informazione che i confini altrui vanno rispettati.


Probabilmente deciderà di non insistere perché ha interiorizzato che il rispetto dell'altro è anche dato dal rispetto delle sue scelte, anche quando ci fanno male.


Decide allora di chiedere alla ragazza se è possibile per lei avere un rapporto sessuale utilizzando il preservativo femminile, acquisisce competenze attraverso un senso critico.





Quali sono i contenuti trattati nell'educazione sessuale?


In relazione alla guida contenente gli Standard per l'Educazione Sessuale in Europa (rivolto all'educazione affettiva e sessuale dagli zero ai sedici anni), documento elaborato dall'OMS, vengono approfondite con contenuti differenti in base all'età del gruppo, varie tematiche presenti in differenti aree:

  1. Il corpo umano e il suo sviluppo (come cambia nel tempo, igiene, rispetto per le differenze ecc..)

  2. Emozioni e affetti (esprimere le proprie emozioni, lavorare sull'empatia, pudore, imbarazzo ecc..)

  3. Fertilità e riproduzione (anatomia e fisiologia, lessico corretto, impatto della maternità in giovane età, scelte consapevoli ecc..)

  4. Sessualità (il sesso nei media, amore e tenerezza, sesso paritario e adeguato all'età e al consenso ecc..)

  5. Sessualità e diritti (diritto all'espressione di se, richiedere aiuto e informazioni, senso di responsabilità verso se e gli altri ecc..)

  6. Influenze sociali e culturali sulla sessualità (ruoli di genere, rispetto per i sì e per i no degli altri, accettazione delle norme per la privacy, bullismo e cyber bullismo ecc..)







Come si educa all'affettività e alla sessualità?



Si trasmettono informazioni scientifiche attraverso attivazioni, che possono essere esercitazioni singole o di gruppo.


Si lavora sulla specifica tematica con l'utilizzo di giochi e strumenti come ad esempio il role-play, l’utilizzo d’immagini, di video e di dibattiti.


Solitamente lo sperimentarsi in prima persona, permette ad adulti e ragazzi di interiorizzare meglio i concetti espressi solo verbalmente. Mettersi in gioco procura emozioni e questo processo facilita l'apprendimento.





Quando si dovrebbe cominciare a parlare di affettività e sessualità?


Certamente non è mai troppo tardi per iniziare a parlare seriamente di affettività e sessualità ma l’ideale sarebbe iniziare già dalla scuola dell’infanzia, chiaramente utilizzando contenuti, modalità e linguaggio specifici per quell'età.


Ad esempio, è importante insegnare ad un bambino ad esplicitare un suo disagio senza sentirsi sbagliato. Per esempio, il bambino dovrebbe essere in grado ed avere il diritto di dire di non voler essere baciato dalla vicina di casa ogni volta che la vede.


Rispettando i suoi confini imparerà a rispettare quelli degli altri, questo caratterizza la base dell'empatia e del rispetto reciproco.


Non credo sia mai troppo presto per poter intervenire su questi argomenti. E' fondamentale lavorare anche sul linguaggio sessuale.


Oggigiorno le offese che vengono fatte in vari contesti, dai social o verbalmente in mezzo al traffico, sono per lo più a contenuto sessuale.


Offese rivolte all'orientamento sessuale, al genere sessuale, esclamazioni che riportano il linguaggio volgare degli organi genitali e svariate offese riguardanti le scelte di come vivere la propria sessualità femminile.


Educando i bambini sulla terminologia corretta e al rispetto dell'altro nella propria individualità e modalità di espressione, permette di lavorare alla base di una miriade di problematiche attuali come ad esempio il bullismo e cyberbullismo e la violenza di genere.


Agire in tenera età con un programma apposito permette di concentrarsi in un'ottica di prevenzione, anziché intervenire in una situazione di urgenza ed emergenza come spesso accade in età preadolescenziale.





Per quanto tempo è necessario fare educazione affettiva e sessuale?


L'educazione affettiva e sessuale non hanno scadenze e può essere proposta in ogni momento del ciclo vitale delle persone.

Il mondo è in costante evoluzione e quindi mutamento.

Le norme e le regole sociali degli anni 50 sono molto diverse da quelle attuali, così come i mezzi di comunicazione e le tecnologie.


Allo stesso tempo tra 5 anni ci saranno forse altre dinamiche relazionali, nuovi social e aspettative e desideri diversi.


Gli operatori stessi che si occupano di educazione affettiva e sessuale ricorrono a corsi di formazione e aggiornamento costantemente nel tempo, per rimanere informati sugli scenari e sulle risorse presenti nella vita dei ragazzi.


Durante le diverse età abbiamo dei compiti evolutivi differenti da affrontare, è necessario quindi iniziare dalle necessità dei bambini per poi spostarsi passo dopo passo alle esigenze di ragazzi e adulti.


Nelle scuole primarie e secondarie è possibile, attraverso un percorso condiviso con i vari docenti e genitori, riportare l'affettività e la sessualità nelle varie materie, per mantenere un filo conduttore dell' argomento in una visione d'insieme.


Per esempio nella letteratura si potrebbe parlare della relazione amorosa ed ostacolata di


Romeo e Giulietta, riportandola ai giorni nostri e lavorare con i ragazzi su come, di fronte alle stesse tematiche di base, si fosse potuto intervenire per evitare la tragedia.

In matematica si potrebbe lavorare sui grafici rapportando con un grafico a torta la percentuale di rischio di gravidanze indesiderate con i diversi tipi di contraccettivi.


Durante l'ora di inglese si potrebbe tradurre un testo relativo alle ripercussioni delle differenze di genere e durante l'ora di musica si potrebbe visualizzare un video musicale e odierno analizzandone i contenuti musicali e i riferimenti sessuali presenti, purtroppo molto spesso e in maniera fuorviante per i ragazzi, che tendono spesso a "misurarsi" con modelli errati.


Lindberg-Lab, si occupa della progettazione, dello svolgimento dei laboratori e della valutazione dei percorsi di educazione affettiva e sessuale con il metodo danese, a gruppi di bambini, adolescenti e preadolescenti in contesti scolastici e privati.


Per maggiori informazioni e contatti https://www.lindberg-lab.com/educazione-sessuale

10 visualizzazioni

LINDBERG-LAB

MONZA BRIANZA

DI ALLEGRA LINDBERG POLETTI

327.2839565

Carate Brianza (MB)

P.IVA 09745230962